Premiazione San Martino Sports Awards
13 novembre 2017

Le Allenatrici storiche salutano il Sincro Roller

Barbara Calzolari e Michela Corticelli di ASD Sincro Roller Calderara

Ci sono persone che hanno fatto la storia di molti sport, Coach che sono riusciti a riscrivere una specialità e a vincere tutto durante la carriera, allenatori che hanno cambiato dall’interno le regole del gioco con la propria genialità e la voglia di raggiungere obiettivi sempre nuovi, sempre più complicati.

Prendete tutto quello che ho scritto, frullatelo e versatelo in un bicchiere da cocktail e avrete il quadro perfetto di una lunga parentesi che ha caratterizzato non solo il Sincro Roller, ma tutto il movimento del Pattinaggio Sincronizzato mondiale, creando una sorta di legame che sembrava indissolubile fino a qualche settimana fa e che ha permesso a questo settore di crescere in maniera esponenziale e di inserirsi di diritto tra le specialità più seguite e appassionanti di questo sport.

Non è mai semplice riassumere la vita in pista di persone fondamentali, si rischia sempre di sminuire o di incensare troppo, ma non credo di sbagliare se dico che, se il Sincronizzato è arrivato a questi livelli di perfezione artistica e di coinvolgimento, una buona parte del merito possa essere attribuito a queste due persone speciali: Barbara Calzolari e Michela Corticelli.

Lascio la parola a loro, hanno voluto scrivere alcune righe di addio…anzi, di “arrivederci”, da condividere con tutti i tifosi e gli appassionati di questo fantastico movimento.

 

Barbara Calzolari

Ebbene sì per chi ancora non lo sapesse è vero… ho deciso di concludere la mia carriera di allenatrice del Sincro Roller (almeno per ora!). Una carriera ricca di soddisfazioni e vittorie.

In questi 27 anni di insegnamento ho avuto modo di allenare tantissime atlete, conoscere moltissimi genitori, trovare tanti amici / amiche (e due sorelle!) e soprattutto sfidare svariati avversari. Tutti mi hanno insegnato tanto e spero di aver fatto altrettanto.

Di sicuro ho imparato che:

  1. L’impegno, la costanza e la dedizione portano i risultati;
  2. Non si può stare simpatici a tutti, ma me ne sono già fatta una ragione;
  3. L’invidia è una bruttissima bestia.

Buon lavoro a tutti, vi auguro di vincere tutto quello che ho vinto io!

Barbara

 

Michela Corticelli

Se mi avessero chiesto a quanti anni avrei lasciato il pattinaggio avrei risposto MAI, invece quel momento è arrivato. Purtroppo nella vita bisogna fare delle scelte e adesso la famiglia e il lavoro devono venire prima del Pattinaggio.

Il Sincro lo considero tuttora la mia seconda famiglia, mi ha dato tanto sia da atleta ma soprattutto da allenatrice. Mi ha insegnato tanto sia tecnicamente che moralmente. Da atleta ho consumato tante lacrime, tanto sudore ma sono servite a superare i momenti difficili e farmi vivere dei momenti meravigliosi.

Tra quelli più belli la prima medaglia europea nel Sincronizzato nel 2004, gli Europei vinti a Nantes con il gruppo “Infinity”, e la medaglia d’argento ai Mondiali in Portogallo sfiorando di pochissimo l’oro. Nelle vesti di aiuto allenatore con Barbara ho potuto vivere la cosa diversamente ma non senza provare le stesse emozioni.

La più grande in assoluto a Novara 2016 dove siamo diventati CAMPIONI DEL MONDO. Un sogno che si realizza. I primi italiani a vincere questo titolo nella specialità sincronizzato. Beh detto ciò credo che il Sincro Roller rimarrà sempre parte di me.

Ora auguro un grosso in bocca al lupo a tutto il Sincro Roller sia Junior che Senior per la prossima stagione. Non temete non vi siete liberati di me perché io continuerò a seguirvi. Un bacione

Miky

 

La fine di un’era

Con queste parole si conclude un’era caratterizzata da sudore, sangue e vittorie, un periodo che ha segnato la vita di centinaia di persone e che ha legato il cuore di atleti, genitori, appassionati alle piste di Pattinaggio di tutto il mondo.

Io sono entrato in questo mondo per puro caso, non avrei dovuto trattenermi troppo, invece ho scoperto che anche sport di nicchia come il Sincronizzato a rotelle possono dare tanto e regalare emozioni estreme.

Cosa mi ha fatto innamorare del Sincro Roller, oltre alla bellezza artistica e alle particolarità uniche di questo mondo? Lo sguardo deciso e la fame di Vittorie di Barbara e la gentilezza e la passione eterna di Michela, due facce della stessa medaglia che hanno saputo come compensarsi perfettamente per raggiungere gli innumerevoli obiettivi affrontati e superati insieme durante questo lungo tragitto che non avrà mai fine…

In bocca al lupo e buon riposo, non vi dimenticheremo mai!

Un abbraccio

 

Manuel Lodi

2 Comments

  1. Marco ha detto:

    Un pesce d’Aprile in anticipo, vero?
    No…. dai… non è possibile, dopo Totti, questa notizia non la reggo….
    Un abbraccio forte al mio Coach e al mio Capitano!

    • Sincro Roller ha detto:

      Ciao Marco, purtroppo non è un Pesce d’Aprile, anche se sarebbe stato meglio così…
      Per il momento questa è stata la decisione difficile presa dalle nostre super Coach,
      in futuro chi lo sa?!
      Grazie mille!! Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *